Ho imparato…

Pubblicato: 22 giugno 2010 in Pura Follia
Tag:,

Ormai è un abitudine: quando faccio il turno di notte prendo il treno da Empoli; è comodo, tranquillo, veloce e soprattutto economico.

Ci sono anche delle cose che ho imparato a fare e a non fare. Luoghi che ho imparato a evitare o ad aggirare.  Persone che ho imparato a conoscere o a schivare abilmente.

Alcuni esempi:

1.  Non parcheggio mai di sera su viale Buozzi a Empoli, già un paio di volte sono stato “aggredito” da gruppetti di ubriachi (evitando di specificare che fossero nordafricani o ci passo da razzista).
2. La macchinetta all’interno della stazione fa le bizze, faccio il biglietto sempre a quella sul binario 1.
3. Uno degli utenti di una delle chat che frequento prende sempre il treno con me, ma non ci siamo mai salutati.
4. Sul treno sale sempre un tipo ubriaco fradicio che ti chiede una moneta per il caffé. Sapendo che quell’euro andrebbe a finire in un paio di cartoni di vino da discount mi rifiuto, ma ho scoperto che con un sorriso e un “mi dispiace” lui si congeda senza fare storie.
5.  Quando scendo dal treno alla stazione di Santa Maria Novella non costeggio mai il binario 2, mi mette ansia.
6. In via Guido Monaco,  dietro un angolo, c’è sempre una trans con un sacchetto di McDonald’s in mano e lo nasconde non appena le passo accanto.
7. Davanti all’ostello in fondo alla stessa via c’è sempre qualche gruppetto di ragazzi che discute sul da farsi a Firenze.
8. Su via  Benedetto Marcello devo stare attento perché c’è matematicamente una grondaia che sgocciola.
9. Quando arrivo al lavoro e c’è il collega giovane stacco il cervello, in modo che non mi caschino le palle al terzo  congiuntivo sbagliato dopo quattro parole.

Con l’esperienza s’impara 😀

Annunci
commenti
  1. Pompiere ha detto:

    Hai imparato a fare attenzione ai particolari. E’ da quelli che poi si raffigura il quadro d’insieme. Le tue “scorribande” notturne mi han fatto sorridere per il loro contegno quotidiano, sincero, abitudinario. E anche un po’ morigerato e salubre 😉 Istinto di sopravvivenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...